Storia della schiavitù in America

Che cos'è per lo schiavo il 4 luglio?

Come immortalato nella citazione di Frederick Douglass sopra, gli Stati Uniti hanno affrontato i problemi morali ed economici della schiavitù fin dall'inizio. Segui la cronologia per saperne di più sulla storia della schiavitù negli Stati Uniti, compreso l'arrivo dei primi schiavi africani in America, il bando federale dell'importazione di schiavi e l'abolizione della schiavitù negli Stati Uniti.



1500s

La tratta transatlantica degli schiavi inizia quando spagnoli e portoghesi iniziano a colonizzare il Nuovo Mondo. Gli schiavi dell'Africa (e delle popolazioni locali) vengono messi al lavoro quasi subito per portare avanti il ​​loro progetto imperiale. Gli spagnoli portarono schiavi fino alle Carolina nel 1526 e sarebbero rimasti comuni nella maggior parte dei territori spagnoli che sarebbero poi diventati gli Stati Uniti.

1619

Con i crescenti profitti della colonia della Virginia Jamestown e la vasta domanda di manodopera agricola, i primi lavoratori africani vengono portati nel Chesapeake. La prima nave negriera viene avvistata al largo della costa ad agosto. Questi primi diciannove lavoratori africani sono inizialmente tenuti come servi a contratto piuttosto che come schiavi, come molti dei lavoratori africani che arrivano in seguito. Le leggi che circondano il contratto degli africani non si trasformeranno in uno status ereditario permanente come proprietà per alcuni decenni.

1640

popolazione di noi sotto i 18 anni

Di nuovo ci sono due eventi cruciali per lo status giuridico della schiavitù nelle colonie. In Virginia nel 1640, sebbene la schiavitù permanente non sia ancora una pratica codificata, la situazione inizia a cambiare con il caso di JohnPunch. Punch è un servitore a contratto africano nero che cerca di sfuggire al suo contratto insieme a due servitori europei bianchi. Tutti e tre vengono catturati. I due europei vengono condannati ad un ulteriore anno di servizio. Punch viene condannato alla schiavitù a vita. Questo caso segna la prima distinzione legale più importante tra bianchi e neri negli Stati Uniti.

Un anno dopo, il Massachusetts approva nuovi codici degli schiavi. Sebbene questi codici siano principalmente focalizzati sulle molte situazioni in cui si non può prendendone un altro come schiavo (molti puritani si opponevano alla schiavitù per motivi religiosi), consentivano alcune circostanze selezionate in cui era lecito rendere schiavo uno 'straniero', che non era un suddito inglese. I coloni avrebbero presto identificato questa distinzione legale con i neri africani e i nativi. Questo segna una nuova svolta nell'importazione di schiavi dall'Africa e dai Caraibi.

1670

Viene fondata la città di Charles Towne (Charleston) in Carolina. Charleston diventerà il più grande porto di schiavi nelle colonie americane, sia di importazione che di esportazione. La Carolina è una delle poche colonie ad avere una popolazione maggioritaria schiavizzata e avrà il secondo numero totale di schiavi entro il prossimo secolo. Inoltre, oltre 50.000 membri delle nazioni native vicine saranno esportati verso gli schiavisti nei Caraibi. Gli schiavisti della Carolina sono in gran parte responsabili dell'espansione dei codici degli schiavi.

1674

Dopo la perdita dei loro possedimenti nordamericani nel Trattato di Westminster, gli olandesi liberano tutti i loro schiavi nel continente. Questo porta all'insediamento di una prima comunità molto importante di neri liberi a New York.

1700

mappa di s. carolina
Attraverso il 1700, la popolazione schiava continua a crescere costantemente nelle colonie britanniche, specialmente nel sud agricolo. La tratta degli schiavi non raggiunge il suo apice fino a dopo la guerra rivoluzionaria nella seconda metà del secolo. Alcuni degli stati del sud che sarebbero poi diventati i principali stati detentori di schiavi, come la Georgia, non sono ancora profondamente implicati nella tratta degli schiavi. Gli inglesi temono che gli schiavi possano colludere con gli spagnoli in Florida. Lo status di schiavitù diventa una questione di importanza politica nazionale durante la Rivoluzione americana, poiché le colonie sono divise sul futuro status di schiavitù. La questione non sarà risolta fino all'approvazione della Costituzione, decenni dopo.
1787

La schiavitù è resa illegale nel Territorio del Nord Ovest. La Costituzione degli Stati Uniti afferma che il Congresso non può vietare la tratta degli schiavi fino al 1808. Negli anni successivi all'approvazione della Costituzione, la tratta degli schiavi accelera. Molte persone cercano di acquisire schiavi prima che diventi illegale importarli. Il numero dei proprietari di schiavi cresce notevolmente. Le importazioni illegali continueranno per qualche tempo dopo la data del 1808, ma questo è il picco dei viaggi di schiavi dall'Africa e dai Caraibi.

1793

L'invenzione di Eli Whitney della sgranatrice di cotone aumenta notevolmente la domanda di lavoro da schiavi, poiché ogni schiavo può ora elaborare un volume molto più elevato di cotone allo stesso costo. Prima dell'invenzione del gin, il cotone era una delle numerose colture principali coltivate nel sud. Dopo, diventa di gran lunga il principale raccolto di denaro, soprannominato King Cotton. Le piantagioni di schiavi crescono in tutto il sud.

1793

Viene emanata una legge federale sugli schiavi fuggitivi, che prevede il ritorno degli schiavi che sono fuggiti e hanno attraversato i confini di stato. Molti negli stati liberi del New England e della Pennsylvania ignorano l'atto degli schiavi fuggitivi, cercando invece di sistemare gli schiavi fuggiti come persone libere. Coloro che non vengono rimpatriati subiscono ancora discriminazioni in materia di alloggio, impiego e polizia.

1800

Gabriele Prosser , un fabbro afroamericano schiavo, organizza una rivolta di schiavi con l'intenzione di marciare su Richmond, Virginia. La cospirazione viene scoperta e Prosser e alcuni suoi compatrioti vengono impiccati. Le leggi sugli schiavi della Virginia sono di conseguenza rafforzate. La violenta repressione della rivolta di Prosser costituisce un precedente per la gestione delle future rivolte. Alimenta anche la paranoia tra gli schiavisti meridionali che modelleranno il divario politico tra Nord e Sud.

1803

L'acquisto della Louisiana raddoppia le dimensioni del paese, dando inizio a un periodo di espansione verso ovest che accelererà il divario politico sulla schiavitù. L'acquisto comprende il porto di New Orleans, che i francesi avevano recentemente acquisito dagli spagnoli. New Orleans diventerà un importante centro del sud degli schiavisti.

1804

A questo punto, tutti gli stati del Nord hanno vietato la schiavitù o hanno iniziato a eliminarla gradualmente, inclusi New Jersey, Pennsylvania e Ohio. Sebbene il razzismo continuerà ad essere un problema enorme per i neri liberi del Nord, gli stati liberi offrono una via di fuga dalla schiavitù per molte persone. Il movimento abolizionista inizia a guadagnare terreno, soprattutto nella città di Boston.
1808

Il Congresso vieta l'importazione di schiavi dall'Africa. Le spedizioni illegali arriveranno ancora per qualche tempo, ma sono rare. Invece, il commercio di schiavi negli Stati Uniti diventa più grande che mai. Il prezzo di mercato per gli schiavi aumenta e la gente comincia a fare un'industria di

1820

Gli stati liberi e gli stati schiavisti giungono a un'impasse per consentire al Maine di diventare uno stato indipendente dal Massachusetts; Il Maine farebbe pendere l'ago della bilancia al Senato verso stati liberi. Il Compromesso del Missouri ammette il territorio del Missouri come stato schiavista, ma vieta la schiavitù a nord del Missouri. Questo rimane il difficile compromesso per i prossimi decenni.

1822

Danimarca Vesey, un falegname nero schiavo che aveva acquistato la sua libertà, pianifica una rivolta di schiavi con l'intento di assediare Charleston, nella Carolina del Sud. La trama viene scoperta e Vesey e 34 co-cospiratori vengono impiccati.

1831

Nat Turner, un predicatore afroamericano schiavo, guida la più significativa rivolta degli schiavi nella storia americana. Lui e la sua banda di seguaci lanciano una breve rivolta nella contea di Southampton, in Virginia. La milizia locale reprime la rivolta e alla fine Turner viene impiccato. Di conseguenza, la Virginia istituisce leggi sugli schiavi molto più severe.

qual era l'aspettativa di vita nel 1919

Lo stesso anno, William Lloyd Garrison inizia a pubblicare il Liberatore , un settimanale che sostiene la completa abolizione della schiavitù. Diventa una delle figure più famose del movimento abolizionista.

1833

Gli inglesi bandiscono la schiavitù in tutte le loro colonie nell'Atlantico e altrove. La schiavitù americana sta rapidamente diventando un'eccezione e i proprietari di schiavi nel sud lavorano di più per consolidare il sistema e farlo persistere. Gli inglesi, le cui fabbriche tessili guidano la domanda globale di cotone, contribuiscono ad alimentare l'economia degli schiavi. Durante la guerra civile, gli inglesi considerano la possibilità di schierarsi con la Confederazione per mantenere il loro cotone a buon mercato.
1846

La Wilmot Proviso, introdotta dal rappresentante democratico David Wilmot della Pennsylvania, tenta di vietare la schiavitù nel territorio conquistato nella guerra messicana. La clausola è bloccata dai meridionali, ma continua ad infiammare il dibattito sulla schiavitù. La Wilmot Proviso giocherà un ruolo importante nella preparazione al Compromesso del 1850.

1849

Harriet Tubman fugge dalla schiavitù e diventa uno dei leader più efficaci e celebrati della Underground Railroad. La Ferrovia Sotterranea è una rete di percorsi, contatti e luoghi sicuri che collega il Sud con il Nord libero. Questa rete si estende fino al Canada, che aveva bandito la schiavitù a livello nazionale.

1850

Il continuo dibattito se il territorio conquistato nella guerra messicana debba essere aperto alla schiavitù è deciso nel Compromesso del 1850: la California è ammessa come stato libero, i territori dello Utah e del Nuovo Messico sono lasciati alla decisione della sovranità popolare e il commercio degli schiavi in Washington DC è proibito. Come concessione, stabilisce una legge sugli schiavi fuggitivi molto più severa dell'originale, approvata nel 1793. Questo è un importante punto di malcontento nel Nord e alimenta sentimenti antischiavitù.

1852

Il romanzo di Harriet Beecher Stowe, La capanna dello zio Tom è pubblicato. Diventa una delle opere più influenti nella storia degli Stati Uniti, andando a ruba e aumentando l'opposizione del Nord alla schiavitù. Diversi autori hanno pubblicato libri nel Sud come parodie o critiche di Zio Tom , ma nessuno di questi è ben ricordato.

Il termine zio Tom è arrivato a riferirsi in modo dispregiativo ai neri che sono troppo conciliatori o servili nei confronti dei bianchi. Le ragioni di ciò sono un po' complesse. Almeno nella storia originale, lo zio Tom sacrifica la sua vita per proteggere il luogo in cui si trovano due donne sfuggite alla schiavitù.

1854

Il Congresso approva il Kansas-Nebraska Act, che istituisce i territori del Kansas e del Nebraska. La legislazione abroga il Compromesso del Missouri del 1820 consentendo a entrambi gli stati di votare se sono stati schiavi o stati liberi. Sia gli abolizionisti che gli schiavisti iniziano campagne di invio di coloni nel territorio per influenzare i voti. Le tensioni nei territori portano a una serie di violenti raid e attacchi attraverso le linee del territorio, noti come Bleeding Kansas.

quando ha governato Stalin
1857

In uno dei più grandi colpi al movimento abolizionista, la Corte Suprema stabilisce nel caso Dred Scott che il Congresso non ha il diritto di vietare la schiavitù negli stati e, inoltre, che gli schiavi non sono cittadini. Il precedente legale stabilito da Dred Scott modellerà le strategie legali utilizzate più tardi nella Guerra Civile, culminando nella modifica della Costituzione per annullare la sentenza.

1859

John Brown e 21 seguaci catturano l'arsenale federale di Harpers Ferry, in Virginia (ora W. Va.), nel tentativo di lanciare una rivolta di schiavi. Diversi resoconti contestano se Brown intendesse che il raid avesse successo, scatenando altre rivolte nel sud, o se sapesse che era destinato al fallimento. Brown è stato ucciso, ma è diventato un simbolo per molti nel nord. Più famoso, è stato immortalato nella melodia della marcia della Guerra Civile John Brown's Body; la melodia avrebbe poi cambiato i suoi testi per diventare l'Inno di Battaglia della Repubblica.

1860

Nonostante non sia stato ammesso al ballottaggio in diversi stati, il candidato repubblicano Abraham Lincoln viene eletto presidente. Sebbene Lincoln non sia un membro dell'ala radicale del partito e non abbia pubblicamente espresso alcuna intenzione di smantellare rapidamente la schiavitù, la sua elezione suscita indignazione in tutto il sud. Aveva a questo punto dichiarato '

«Una casa divisa contro se stessa, non può reggersi. Credo che questo governo non possa durare in modo permanente metà schiavo e metà libero. Non mi aspetto che l'Unione venga sciolta? Non mi aspetto che la casa cada? ma mi aspetto che smetterà di essere diviso. Diventerà tutto una cosa o tutto l'altro.'

Per molti, questo è visto come una rottura inconciliabile tra le due metà del paese.
1861

La Confederazione viene fondata quando la Carolina del Sud dichiara la sua secessione, includendo tra le sue ragioni il timore che il governo federale possa violare la sua capacità legale di mantenere schiavi. Seguono altri dieci stati, tutti dichiarando la conservazione della schiavitù tra le loro principali ragioni per la secessione. Formano il proprio governo, guidato da Jefferson Davis. Quando l'esercito degli Stati Uniti approda a Fort Sumter, le truppe confederate sparano sul forte. Questa è la prima azione ostile che dà il via alla guerra civile americana.

1863

A metà della guerra, il presidente Lincoln aveva espresso la convinzione che preservare l'Unione e porre fine alla schiavitù fossero lo stesso obiettivo. Lincoln emette il Proclama di Emancipazione, dichiarando 'che tutte le persone tenute come schiave' all'interno degli stati confederati 'sono e d'ora in poi saranno libere'.

In particolare, questo non libera gli schiavi negli stati di confine che non avevano aderito alla Confederazione. Secondo la sentenza Dred Scott, il governo federale non poteva rovesciare la schiavitù negli Stati Uniti. Piuttosto, il Proclama di emancipazione è emesso sotto l'autorità militare di Lincoln come comandante in capo, e debolmente consentito mentre gli stati confederati sono in ribellione.

1865

L'esercito dell'Unione accetta la resa del generale Lee ad Appomattox. La guerra civile finisce. Lincoln viene assassinato. Il 13° emendamento abolisce la schiavitù in tutti gli Stati Uniti, e sarà presto seguito dal 14° e dal 15° emendamento, che cercano in qualche piccola misura di garantire la parità di trattamento degli ex schiavi.

Il 19 giugno la schiavitù negli Stati Uniti finì effettivamente quando 250.000 schiavi in ​​Texas ricevettero finalmente la notizia che la Guerra Civile era finita due mesi prima. Questo giorno sarà poi commemorato nella comunità nera come festa di Juneteenth. Ciò significa inoltre che la schiavitù è abolita in tutto il Nord America, anche se l'eredità della schiavitù durerà molto, molto più a lungo.

Gli stati elaboreranno rapidamente molte altre tattiche per sopprimere la comunità nera e mantenere un'economia di lavoro nero sottopagato, ma la questione della schiavitù legale è risolta.

radice quadrata di -6